Come organizzare la propria libreria, ecco alcuni consigli

Come organizzare la propria libreria: ecco a voi alcuni consigli


I lettori sono accomunati non solo per le loro passioni e per le loro preferenze in fatto di lettura, ma anche perché hanno tutti un inguaribile problema: come sistemare il quantitativo gigantesco di libri nella libreria senza necessariamente stiparli in ogni fessura possibile ed immaginabile dei nostri scaffali. Bookriot spiega i pro e i contro dei vari sistemi, procedendo in ordine alfabetico, per genere, per colore, cronologicamente.

 

I Pro e i Contro dell’ordine alfabetico

Sicuramente questa è una delle opzioni più ovvie e probabilmente il modo migliore se si desidera trovare rapidamente un particolare libro. Si possono seguire due vie: o l’ordine alfabetico dell’autore o l’ordine alfabetico per il titolo del libro. Tra i contro, tuttavia, rientra il fatto che quando si comprano nuovi libri bisogna spostarne tanti altri per farli stare sugli scaffali.

I Pro e i Contro dell’organizzazione per genere

Se siete dei lettori che amano leggere veramente di tutto e hanno tanti generi diversi a disposizione, la cosa migliore da fare è disporre i libri secondo il loro genere d’appartenenza. Faciliterà la ricerca del libro a seconda del nostro stato d’animo – che ci porterà più verso un genere che verso un altro – ed è un sistema molto piu intuitivo rispetto a quello alfabetizzato. Certo è, che molto spesso, risulta ben più difficile.

I Pro e i Contro dell’organizzazione per colore

Probabilmente è il metodo più usato e anche quello che dà molto di più l’idea di ordine. Ma è anche quello meno intuitivo – a meno che non si abbia una straordinaria memoria fotografica per ricordarsi il colore e la forma delle copertine dei nostri libri.

I Pro e i Contro dell’organizzazione in ordine cronologico

L’organizzazione cronologica può avere un duplice seguito; i libri possono essere suddivisi o secondo l’ordine di pubblicazione o secondo il periodo storico in cui la trama si svolge. Questo sistema può essere tanto intuitivo quanto dispersivo visto che molti libri, spesso, si svolgono in più epoche storiche e dunque è piuttosto difficile trovarli.

Sicuramente, ogni lettore ha il proprio metodo per sistemare i suoi libri preferiti in libreria. E il metodo migliore è quasi sempre il sentimento.

 

Fonte: Libreriamo

 

Commenta con Facebook!

commenti

Precedente “Il buio oltre la siepe” diventerà un graphic novel Successivo I nonni più celebri della letteratura